A cosa serve il 5 per mille, č obbligatorio? Come funziona?

Una volta c'era solo l'8 per mille, ossia la destinazione di una parte delle tasse a qualche ente religioso. Poi è stato istituito un nuovo canale a disposizione del contribuente con la possibilità di scegliere beneficiari di altri settori. Questo strumento ha preso il nome di "5 per mille".

Cos'è il 5 per mille?
Il 5 per mille non è altro che una percentuale (per l'esattezza lo 0,5%) dell'importo Irpef (tassa sul reddito persone fisiche), dovuto dal cittadino allo Stato, che, in caso di scelta del contribuente, viene destinato all'ente segnalato.

Chi sono i beneficiari?
A differenza del fine religioso dell'8 per mille, nel 5 per mille rientrano le associazioni laiche, no profit, le onlus, ma anche gli istituti di ricerca.
Nello specifico possiamo scegliere di destinare questa percentuale al Volontariato (competenza: Direzione Generale Volontariato Ministero Lavoro); alla Ricerca scientifica ed universitaria
(competenza: Ministero Istruzione); Ricerca sanitaria (competenza: Ministero Salute); Politiche sociali perseguite dai Comuni (competenza: Ministero Interno); Attività sportive a carattere dilettantistico (competenza: Presidenza Consiglio Ministri e CONI); ONLUS (Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale); Associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e provinciali; Associazioni e fondazioni che operano senza finalità di lucro.

Chi paga? Il cittadino?
No. Il cittadino contribuente, che scelga di destinare il 5 per mille oppure non effettui alcuna scelta, pagherà sempre lo stesso importo, se dovuto, di Irpef. L'Irpef va comunque allo Stato, che poi deciderà come utilizzare le entrate derivanti da tutte le tasse. Quindi?

Conviene sempre la scelta del 5 per mille!
Eh, già. Pochi utilizzano questo prezioso strumento, soprattutto perché non lo conoscono poi tanto bene, non avendo chiare spiegazioni. Basterebbe uno spot televisivo per spiegare cosa comporti il 5 per mille... ad ogni modo, basta informarsi un pochino per capire che possiamo decidere noi come sarà utilizzata una parte delle imposte che versiamo. Ci lamentiamo sempre del cattivo utilizzo dei nostri soldi, perché allora non usufruire di questa opportunità? Vogliamo che una parte, anche se piccola, delle nostre tasse vada agli enti che cercano le cure delle malattie? Alle associazioni che aiutano i bambini orfani, i senta tetto e i malati? Oppure desideriamo che il nostro 5 per mille sia utilizzato dalla ricerca scientifica (visto che in Europa siamo il Paese che investe meno in questo strategico settore)?
Bene, possiamo farlo! Basta compilare due righe del 5 per mille!

Come si fa?
Molto semplice. Se si fa la dichiarazione dei redditi basta inserire il nome dell'ente desiderato nella sezione creata apposta per il 5 per mille (modello 730, modello unico...). Se ci si affida ad un professionista (commercialista), a un Caf o a un sindacato, basta farlo presente a loro.
Se invece non si è tenuti a presentare la dichiarazione dei redditi, basta guardare l'ultima pagina del CU, l'ex CUD (vedi immagine qui sotto), dove trovate le sezioni per il 5 per mille e per l'8 per mille. Oltre ai propri dati si deve inserire il codice fiscale dell'ente prescelto. Gli elenchi annuali dei possibili beneficiari vengono pubblicati verso aprile-maggio. Il documento si può poi

Si può scegliere un solo destinatario e si ricorda che il 5 e l'8 per mille non sono alternativi, si può fare la scelta sia nel primo che nel secondo caso. In questo modo possiamo scegliere un totale di 13 per mille (5+8), ossia l'1,3% dell'Irpef, da donare agli enti segnalati.

A chi spedire il modulo del 5 per mille?
Il modulo compilato (l'ultima pagina del CU, per coloro che non presentano la dichiarazione dei redditi) va poi inserito in una busta chiusa, sulla quale si deve scrivere "Scelta per la destinazione dell’8 per mille e del 5 per mille dell’Irpef", il proprio codice fiscale, cognome e nome. Il modulo dev'essere integro, anche se si è scelto solo uno dei due strumenti (5 o 8 per mille).

Il tutto va consegnato, entro il 30 settembre dell'anno corrente, presso:

  • ufficio postale (gratuito)

  • professionista (Caf, commercialista, ecc..)

Potrebbe interessarti: Otto per mille. Cos'è e come funziona

Iscrizioni per il 5 per mille (scadenza)

Ci siamo. L'Agenzia delle Entrate ha dato il via alle iscrizioni per accedere all'elenco beneficiari del 5 per mille. Dal 3 aprile sarà possibile inoltrare la richiesta per usufruire dello 0,5% IRPEF che i cittadini, obbligati a versare l'imposta, vorranno destinare. Il periodo in cui si potrà avviare la procedura d'iscrizione (online sul sito dell'Agenzia, segnalato più in basso) terminerà il 8 maggio.

Con la Legge di Stabilità sono rimaste invariate le categorie che hanno accesso a questo fondo statale, così come è stato confermato l'iter d'iscrizione già adottato lo scorso anno. Tuttavia, sono aumentati gli obblighi degli enti ed è stato elevato a 500 milioni di euro il limite massimo per la ripartizione.

Ricordiamo che i vari enti che vogliono rientrare nella lista destinatari del 5 per mille, siano essi di volontariato o legati ad attività sportive (dilettanti), possono fare domanda d'inserimento esclusivamente online, per via telematica.

Le liste contenenti tutti i destinatari saranno pubblicate, online, al massimo il 14 maggio. Poi, entro il 22 maggio, si potranno chiedere correzioni per eventuali errori (nome associazione, indirizzo sede, ecc...): modello AA7/10 (con partita Iva) e modello AA5/6 (senza partita Iva).

Terminate le eventuali correzioni verrà pubblicato l'elenco definitivo entro il 25 maggio.

Iscrizione in ritardo?
Documentazione integrativa e/o modifiche, potranno essere presentate entro il 2 ottobre, pagando una mora di 258 euro.

Riepilogo scadenze 5 per mille
Iscrizione entro l'8 maggio. Il 14 maggio sarà reso pubblico l'elenco provvisorio di enti e associazioni che beneficeranno del contributo.

Entro il 22 maggio si devono presentare eventuali correzioni di errori di iscrizione. Il 25 maggio sarà poi aggiornato l'elenco.

Entro il 30 giugno si devono inoltrare le dichiarazioni sostitutive all’Agenzia delle entrate. Mentre, entro il 2 ottobre si devono inviare le regolarizzazioni della richiesta di iscrizione e/o delle integrazioni di documenti.

RISORSE
Per fare domanda d'iscrizione o per visionare gli elenchi degli enti ammessi, in formato pdf o suddivisi per categoria e l'elenco degli esclusi, si deve andare sul sito dell'Agenzia (www.agenziaentrate.gov.it), poi alla sezione Documentazione dove trovate la voce "5 per mille".

Commenti dei Lettori

  • Valentina
    Se la dichiarazione sostitutiva è stata inviata il primo luglio, vale a dire con un giorno di ritardo dalla data di scadenza, cosa succede?
  • Roberto
    Salve, dove si verifica se il 5 per mille è stato correttamente versato all'ente scelto? Nel 730 consegnatomi dal Caf, non vedo nessuna voce, nonostante abbia dato le mie disposizioni.
  • Paola
    Buongiorno, in merito a questo argomento chiedo gentilmente se la scelta della destinazione del 5 per mille é possibile farla solo se il contribuente è davanti a chi si occupa della pratica. Mi spiego. Oggi ero al caf per il 730 di mia madre, 88 enne, allettata con alzheimer. Io firmo col nome di mia madre i vari moduli. faccio questo ormai da alcuni anni e indico, nel rispetto della volontà di mia madre che non é cambiata solo perché ora non sta bene, la scelta del 5 per mille all' associazione da lei sempre indicata. Oggi l'impiegata del caf mi ha detto che dal 2016 c'è un cambiamento: per indicare la scelta, mia madre avrebbe dovuto essere presente nell'ufficio del caf. Alla mia richiesta di delucidazioni così si é espressa: in fondo lei potrebbe indicare un'associazione diversa dalla volontà di sua madre... A voi risulta questa cosa? Forse è solo una norma interna al caf dal momento che non ho sentito ufficialmente informazioni in merito. Anche il vostro articolo non lo menziona. Sapete se posso inoltrare in un secondo tempo la destinazione del 5 per mille come per chi ha solo il cud? Nella speranza che mi possiate aiutare a trovare una soluzione Cordialmente saluto Paola
    Per Paola
    Salve, in teoria si potrebbe risolvere semplicemente con una delega, se sua madre è capace di intendere e di volere (in caso contrario avrà la documentazione che ne certifica l'incapacità).
    Eventualmente, se possiede il CU (ex CUD), nell'ultima pagina dovrebbe esserci il modulo da firmare e spedire (trova le indicazioni nel testo qui sopra).

Articolo precedente

5 per mille, ammessi ed esclusi: elenco online
09 / 04 / 2014
L'Agenzia delle Entrate ha oggi comunicato che è disponibile online la lista beneficiari del 5 per mille relativo al 2012, nonché tutti coloro che non sono stati ammessi.

Nel documento sono riportate anche le preferenze, e relative quote, manifestate dai cittadini. Grazie a un aggiornamento grafico degli elenchi, ora è possibile consultare i dati per settore, in modo da trovare subito le informazioni che interessano. In più si possono verificare, oltre ai soliti riferimenti (codice fiscale, nome, cifre, ecc... ), anche le regioni di appartenenze, le province e i comuni, ove si trova l'ente che ha richiesto l'iscrizione al 5 per mille.

Per l'anno in questione, il 2012, sono stati selezionati, con successo, 97 destinatari. Questi sono quelli che hanno ottenuto l'approvazione dall'Agenzia, in quanto rispondevano positivamente a tutti i requisiti richiesti dalla normativa.

Al primo posto, tra le scelte dei contribuenti, troviamo il volontariato: Emergency, Medici senza frontiere, Ricerca sul Cancro (AIRC). Quest'ultima risulta molto "gettonata" dagli italiani, evidentemente attenti e sensibili verso una triste realtà che coinvolge diverse persone.

I cittadini si sono dimostrati generosi anche verso la propria città, premiando con il 5 per mille i servizi offerti dal Comune. Primo posto per Roma, poi Milano e Torino. All'ultimo posto un Comune della Sicilia con 0,09 centesimi.



Articolo aggiornato il

Ultimi aggiornamenti

Scrivi il tuo commento sulla pagina
'A cosa serve il 5 per mille, č obbligatorio? Come funziona? '


Il tuo nome (facoltativo)

Contatti

Per contattare la redazione del sito Ecodelcittadino scrivere all'indirizzo email msilci@gmail.com

 

ARGOMENTI CORRELATI

Inps online: Tutto sul PIN

Mutui: Fondo prima casa

Pensioni: Calcolo online
Verifica contributi versati

Consumatori:
Recesso, restituzione
Contratto Enel Energia (gas, elettricitŕ)
Bollo auto-moto: importi e pagamenti

Come funziona il Divorzio breve?

Tutto su: 8xmille e 5xmille

RAI: Problemi segnale?

Casa: Regolamento Condominio
confronto tra Riscaldamento centralizzato e autonomo
Informazioni su Dati catastali (guida video)





 
www.ecodelcittadino.it di Emanuel Silci - email msilci@gmail.com -