| PER IL CITTADINO | FISCO | CRONACA | LAVORO | ECONOMIA Nigiara
  Home Archivio | Email | Ecodelcittadino
EVENTI





Cerca nel sito





Mini ASPI 2014 - Indennità disoccupazione

06 / 02 / 2014 - Come l´Aspi, anche la Mini Aspi è entrata in vigore il 1° gennaio 2013. In pratica sostituisce la vecchia Indennità di disoccupazione con requisiti ridotti, quella che si richiedeva entro marzo e che prevedeva un minimo di giornate lavorative nell´anno precedente. Vediamo allora cosa è cambiato e che natura ha questo nuovo contributo.

COSA?
Prestazione economica a favore dei disoccupati.
Si tratta di un’indennità mensile (comprensivo degli ANF se spettanti) per un numero di settimane pari alla metà delle settimane lavorate nei 12 mesi precedenti la cessazione del rapporto di lavoro (sono esclusi i periodi per i quali si ha già avuto diritto all'indennità).

QUANTO?
Per retribuzioni medie mensili inferiori o uguali a 1.180 euro:
75% della retribuzione media mensile imponibile ai fini previdenziali degli ultimi due anni

Per retribuzioni medie mensili superiori a 1.180 euro (dato valido per l’anno 2013):
75% dell’importo stabilito (per l’anno 2013 pari ad 1.180 euro) più il 25% della differenza tra la retribuzione media mensile imponibile ed euro 1.180.

COME SI RICEVE L'INDENNITA'?
Accredito su conto corrente bancario o postale o su libretto postale.
Bonifico domiciliato presso Poste Italiane allo sportello di un ufficio postale rientrante nel CAP di residenza o domicilio del richiedente.

PER CHI?
Lavoratori che perdono involontariamente l'occupazione a partire dal 1° gennaio 2013, comprendendo anche:

  • apprendisti
  • soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato
  • personale artistico con rapporto di lavoro subordinato
  • dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni
  • lavoratori a tempo determinato della scuolaù

ESCLUSI?

  • dipendenti a tempo indeterminato delle Pubbliche Amministrazioni
  • operai agricoli a tempo determinato e indeterminato
  • lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per i quali resta confermata la specifica normativa
  • rapporto di lavoro cessato a seguito di dimissioni o risoluzione consensuale

REQUISITI?
Stato di disoccupazione involontario
Serve una dichiarazione che attesti l’attività lavorativa precedentemente svolta e l’immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa, da presentare presso il Centro per l’impiego (ex Collocamento) di competenza territoriale, relativo al proprio domicilio

Periodo di lavoro
Almeno 13 settimane di contribuzione (versata o dovuta) durante i 12 mesi che precedono l’inizio della disoccupazione

Non è più necessario il requisito della anzianità assicurativa (aver versato un contributo almeno due anni prima)

ECCEZIONI?

  • Si ha diritto all’indennità nel caso in cui le dimissioni avvengano durante il periodo tutelato di maternità e per giusta causa.
  • Se la risoluzione consensuale sia intervenuta:
    - nell’ambito della procedura conciliativa presso la Direzione Territoriale del Lavoro, secondo le modalità previste all’art. 7 della legge n. 604 del 1966, come sostituito dall’art. 1, comma 40 della legge di riforma del mercato del lavoro (Legge 28 giugno 2012 n.92);
    - a seguito di trasferimento del dipendente ad altra sede distante più di 50 Km dalla residenza del lavoratore e/o mediamente raggiungibile in 80 minuti o più con i mezzi pubblici.

COME FARE LA RICHIESTA?
Presentare domanda all’INPS attraverso i seguenti canali (modulo disponibile in fondo a questo articolo):

  • INTERNET
    servizi telematici utilizzando il proprio PIN sul sito ufficiale dell'Inps
  • CONTACT CENTER
    numero telefonico 803164 (gratuito da rete fissa)
    numero 06164164 (a pagamento da cellulare, secondo la tariffa del proprio gestore telefonico)
  • PATRONATI / INTERMEDIARI DELL'ISTITUTO
    attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi con il supporto dell’Istituto.

Entro due mesi dalla data di inizio del periodo indennizzabile, cioè:

  • a) 8° giorno successivo alla data di cessazione dell’ultimo rapporto di lavoro;
  • b) data di definizione della vertenza sindacale o data di notifica della sentenza giudiziaria;
  • c) data di riacquisto della capacità lavorativa nel caso di un evento patologico (malattia comune, infortunio) iniziato entro gli 8 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro;
  • d) 8° giorno dalla fine del periodo di maternità in corso al momento della cessazione del rapporto di lavoro;
  • e) 8° giorno dalla data di fine del periodo corrispondente all’indennità di mancato preavviso ragguagliato a giornate;
  • f) 38° giorno successivo alla data di cessazione per licenziamento per giusta causa.

DA QUANDO SPETTA?

  • dall’8° giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda viene presentata entro l’8 giorno;
  • dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda, nel caso in cui questa sia stata presentata dopo l’8° giorno;
  • dalla data di rilascio della dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa nel caso in cui questa non sia stata presentata all’INPS ma al centro per l’impiego e sia successiva alla presentazione della domanda;
  • dalle date di cui alle lett. c), d), e), f) del precedente paragrafo, qualora la domanda sia stata presentata prima di tali date o dal giorno successivo alla presentazione della domanda, qualora presentata successivamente ma, comunque, nei termini di legge.

CESSAZIONE PRESTAZIONE SE:

  • Perdita stato di disoccupazione
  • Rioccupazione con contratto di lavoro subordinato superiore a 5 giorni
  • Inizio di attività autonoma senza comunicazione all’INPS
  • Pensionamento di vecchiaia o anticipato
  • Assegno ordinario di invalidità, se non si opta per l’indennità
  • Rifiuto di partecipare, senza giustificato motivo, ad una iniziativa di politica attiva (attività di formazione, tirocini ecc.) o non regolare partecipazione
  • Mancata accettazione di un’offerta di lavoro il cui livello retributivo sia superiore almeno del 20% dell’importo lordo dell’indennità Mini-ASpI.

(Fonte INPS)

MODULO PER LA RICHIESTA (in formato pdf)
Modulo Mini Aspi

PER CASI PARTICOLARI E MAGGIORI INFORMAZIONI
Indennità di disoccupazione Mini Aspi

POTREBBE INTERESSARTI
Indennità disoccupazione ASPI


Andrea - E' molto importante x chi resta senza lavoro.
Gio&fla - Per quanto tempo riceverò questa mini aspi?

Pagine correlate Economia

Mini ASPI 2014 - Indennità disoccupazione




Collegamenti esterni ( ultime news )


Contatti

Per contattare la redazione del sito Ecodelcittadino scrivere all'indirizzo email msilci@gmail.com

 

LAVORO

Crisi del lavoro? Crealo tu!

Indennità disoccupazione (ASPI)

Indennità disoccupazione (Mini ASPI)

Aspi in maternità

Offerte lavoro su Bakeca.it. Attenzione, possibili truffe

Contratto lavoro tempo determinato

Pensione - Simulazione e calcolo online

Elezioni: compensi scrutatori, segretari e presidenti

Partita Iva, verifica online

Gestione Separata, aliquote 2014

Riforma del Lavoro (riassunto e testo)




Sponsor

Segui Emanuel Silci su Google+


  portale di Emanuel Silci (ECODELCITTADINO) pagina pubblicata in 1 secondi
Emanuel Silci - P.Iva. 10553510016
Note Legali: questo sito web è di proprietà di Emanuel Silci a cui va la piena e unica responsabilità dei contenuti testuali e grafici pubblicati sul sito - email msilci@gmail.com -
dati e generalità del proprietario del presente dominio sono disponibili pubblicamente presso l'ente internazionale di registrazione domini.
Alcune foto presenti sul sito sono state prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio
Per chiedere la rimozione di foto o contenuti scrivere alla redazione del sito - Il network a cui il sito è affiliato non è responsabile dei contenuti pubblicati sui singoli siti.