Regime Minimi: requisiti e vantaggi. Cosa cambia nel 2015?

Regime dei Minimi 2015
19 ottobre 2014 - Con la nuova Legge di Stabilità cambiano anche alcune regole per il Regime dei Minimi. Sembra, dalle prime indicazioni, che possa includere una più ampia schiera di Partite Iva ma con una sostanziale differenza rispetto alle agevolazioni finora garantite:

Cambio della tassazione dal 5% al 15%. Questa la modifica principale che, probabilmente, non sarà gradita a chi puntava ad un più sostenibile 5%.

Più contenti saranno invece coloro che attualmente sono inclusi in un altro regime fiscale meno conveniente. Infatti, il nuovo Regime dei Minimi prevede l'ingresso a tutti, purché si possa dimostrare, nel corso dell'anno 2014, un reddito annuo che non superi, a seconda della categoria, tra i 15 e i 40 mila euro (vedi tabella sotto).

La nuova legge prevede che vi sia una suddivisione di partite Iva in base al settore lavorativo. E per ogni categoria ci saranno requisiti differenti da rispettare. Ad esempio il professionista non deve superare la soglia dei 15 mila euro all'anno, mentre il ristoratore i 40 mila euro. Sono infatti introdotte delle percentuali, per ogni categoria, che saranno determinate per calcolare il reddito.

Ecco la tabella con i vari coefficienti delle attività e le soglie massime di reddito annuo per il Regime dei Minimi

ATTIVITA' COEF. MAX R.
Industrie alimentari e delle bevande 40% 35.000
Commercio all’ingrosso e al dettaglio 40% 40.000
Commercio ambulante di alimentari e bevande 40% 30.000
Commercio ambulante di altri prodotti 54% 20.000
Costruzioni e attività immobiliari 86% 15.000
Intermediari del commercio 62% 15.000
Attività dei servizi di alloggio e ristorazione 40% 40.000
Attività professionali 78% 15.000
Altre attività economiche 67% 20.000

Con il nuovo Regime dei Minimi viene spazzata via la detrazione iva, ma rimane in piedi la deduzione che riguarda i contributi previdenziali. Al posto dell'operazione "Ricavi - Spese", si calcolerà l'imponibile tramite l'applicazione della percentuale di competenza nel proprio settore lavorativo (vedi tabella qui sopra).

Esempio di nuovo Regime dei Minimi
Prendiamo ad esempio un commerciante ambulante di frutta e verdura che guadagna in un anno un lordo di 28 mila euro (rientra nel limite dei 30 mila, stabilito per la sua categoria). Calcoliamo, utilizzando il coefficiente relativo, il 40% del guadagno, ossia: 11.200 euro. Ora, di questo importo, calcoliamo il 15% (le tasse che dovrà pagare) e otteniamo 1680 euro, che sarà il totale dovuto al fisco.

Sparisce il limite di tempo dei cinque anni, in vigore con il "vecchio" regime fiscale. La durata sarà illimitata, fermo restando il rispetto dei requisiti previsti.

Tra i costi relativi all'attività, quelli per il personale non devono superare i 5.000 euro, mentre per i beni strumentale i 20.000 euro.

A guardarlo bene, questo nuovo sistema, sembra proprio assomigliare ad un forfait agevolato per lavoratori autonomi.

Lo sai che chi rientra nel Regime dei Minimi può pagare ed essere pagato con i cosiddetti Voucher? E può fare un altro lavoro pagato con i buoni dell'Occasionale Accessorio? Prova a leggere l'articolo: Lavoro Occasionale Accessorio, pagato con buoni (voucher). Come funziona.

Regime dei Minimi 2014
16 gennaio 2014 - Per quanto riguarda il cosiddetto "Regime dei Minimi", valido per quest'anno, 2014, riportiamo alcune informazioni utili pubblicate nel 2012, tuttora valide, quando entrò in vigore il nuovo regime fiscale agevolate.

Il nuovo Regime dei Minimi. Per chi avvia (dal 1° gennaio 2012) o per chi ha avviato da poco (dopo il 31 dicembre 2007, anche se si aveva optato per il forfettino) una nuova attività come imprenditore o lavoratore autonomo.

Vantaggi Regime Minimi

  • riduzione imposta sostitutiva sui redditi:
    solo il 5% (sostituisce l'IRPEF, le addizionali comunale e regionale)
  • nessuna ritenuta d'acconto
  • no IRAP
  • no IVA (basta conservare e numerare le fatture d'acquisto e certificare i corrispettivi)
  • no Studi di Settore
  • no contabilità, esonero obbligo registrazione
  • si conservazione documenti

Validità vantaggi Regime Minimi

  • Tali vantaggi valgono per l'anno di partenza e per i 4 successivi. Inoltre, per i giovani, fino ai 35 anni (se ad esempio un imprenditore di 20 anni apre una nuova attività e rientra nel regime dei minimi, potrà usufruire di queste agevolazioni per 15 anni)

Requisiti Regime Minimi
(oltre a quelli relativi alla data di inizio attività)

  • ricavi da attività d'impresa sotto i 30.000 euro (anni precedenti)
  • non aver esercitato attività di imprenditore o lavoro autonomo nei tre anni precedenti l'inizio della nuova attività
  • la nuova attività non dev'essere la prosecuzione di un'altra come lavoratore dipendente o autonomo (tranne il caso in cui la precedente attività consista nella pratica professionale obbligatoria e nel caso in cui il lavoratore dimostri di aver perso il lavoro o di essere in mobilità per cause indipendenti dalla propria volontà)

Requisiti d'ingresso e permanenza Regime Minimi
(relativi all'anno precedente)

  • ricavi sotto i 30.000 euro
  • no cessioni all'esportazione
  • no avvalersi di dipendenti o collaboratori
  • no erogazione utili ad associati in partecipazione che hanno apportato solo lavoro
  • beni strumentali, nel triennio precedente (anche con appalto o leasing), non devono essere stati superiori a 15.000 euro

Esclusioni Regime Minimi

  • chi non è residente in Italia
  • chi si avvale di regimi speciali Iva (ad es: agricoltura, pesca, editoria, ecc..)
  • chi vende prevalentemente fabbricati o porzioni, terreni edificabili, auto nuove
  • chi partecipa a società di persone, associazioni assimilate, srl trasparenti

Fatture senza IVA con Regime Minimi
(segnalare riferimento legge)

  • Scrivere in calce il riferimento al regime agevolato D.L. 98/2011 Art. 27, commi 1 e 2
  • Allo stesso modo basta una dichiarazione in cui si attesta che il reddito sconta l'imposta sostitutiva per non essere assoggettati a ritenute d'acconto.

Video guida Regime Minimi - Agenzia delle Entrate


Questo è il primo video, gli altri due li potete trovare cliccando sul logo Youtube presente nel riquadro qui sopra

Informazioni
Per casi particolari e/o maggiori informazioni contattare l'Agenzia delle Entrata: www.agenziaentrate.gov.it/wps/portal/entrate/contatta.

Stefano - Posso farlo anche se sono lavoratore dipendente assunto a tempo indeterminato
Per Stefano - Si, se tutti i requisiti sopra elencati son rispettati
Emanuel - Ma se per esempio sono dipendente elettricista e voglio mettermi in proprio con il regime dei minimi non posso farlo?

Anonimo - "la nuova attività non dev'essere la prosecuzione di un'altra come lavoratore dipendente o autonomo (tranne il caso [...] in cui il lavoratore dimostri di aver perso il lavoro o di essere in mobilità per cause indipendenti dalla propria volontà)" Se ho capito bene, non posso dimettermi senza giusta causa da un lavoro dipendente e iniziare attività autonoma dello stesso tipo sfruttando questo regime... se invece vengo licenziato, sì.

Mark - E' compatibile con la parallela posizione di socio in una società s.r.l. semplificata per under35?
I. - Requisito "non aver esercitato attività di imprenditore o lavoro autonomo nei tre anni precedenti l'inizio della nuova attività" E se nel 2012 ho avuto un contratto a progetto?

Daniele - Buona sera. Io dal 2007 ho un'attività di estetica che da novembre sospendo per maternità. ho venduto tutti i macchinari perché voglio tornare alla "semplice" estetista che fa: depilazioni, mani, piedi e massaggi. quando riprendo l'attività posso entrare nel registro dei minimi?
Dino - Sono in pensione voglio tenere aperto in mio negozio la mia attività e aperta dal 1972 posso usufruire del regime minimi... grazie.

Elisa - Buon giorno. Sono impiegata nell'operativo booking presso una catena alberghiera. Posso aprire una partita IVA come consulente marketing per imprese turistiche (non per l'azienda dove lavoro) anche se sono assunta come impiegata ufficio booking?

Salvo - All'inizio del 2012 ho aperto la partita IVA con il regime dei minimi e poi chiusa nello stesso mese senza aprire nessuna attività: Posso aprire nel 2013 nuovamente la partita IVA con lo stesso regime e usufruire sempre dei 5 anni?



Ultimi aggiornamenti

Scrivi il tuo commento sulla pagina
'Regime Minimi: requisiti e vantaggi. Cosa cambia nel 2015? '


Il tuo nome (facoltativo)

Contatti

Per contattare la redazione del sito Ecodelcittadino scrivere all'indirizzo email msilci@gmail.com

 

Buone Feste

LAVORO

DISOCCUPAZIONE, PENSIONI

LAVORO AUTONOMO




Segui Emanuel Silci su Google+


 
P.Iva. 10553510016
www.ecodelcittadino.it di Emanuel Silci - email msilci@gmail.com -